Bruno Munari La rivoluzione sottovoce Bagheria Design from Sicily (2)

Bruno Munari La rivoluzione sottovoce

“Stiamo facendo una rivoluzione, ma attenzione, diciamolo sottovoce, potrebbero sentirci. Un bambino creativo diventerà un adulto, una persona libera, una persona pericolosa…”

È questa tensione che caratterizza l’opera e la vita di Bruno Munari, sia nelle opere più concettuali che in quelle che più direttamente si rivolgono a quel territorio magico che sta tra l’arte e la didattica per bambini. La ricerca, la curiosità, la semplificazione, guardare le cose da nuovi punti di vista (l’arcobaleno di profilo), sono tutte caratteristiche dell’artista e del didatta. L’arte ci fa guardare al mondo come bambini ma trasforma anche i bambini in adulti consapevoli.
Munari è figura leonardesca che come pochi altri nella storia recente ha dato un contributo fondamentale in diversi campi del sapere: le arti visive e il design, l’illustrazione e la pubblicità, la didattica e l’editoria.
La mostra cerca di puntualizzare proprio l’aspetto “plurale” della ricerca di Munari: saranno esposte le Macchine Inutili e le Sculture da viaggio, i Negativi/Positivi e i disegni ispirati agli ideogrammi giapponesi.
Le opere però più rare e più significative in questo senso tra quelle in visione sono forse le tavole tattili: mai esposte nel meridione d’Italia hanno fatto parte della grande mostra organizzata per il centenario della nascita (2007) alla Rotonda della Besana a Milano. Sono tra le opere che più incrociano i due campi di ricerca di Munari; nascono per essere toccate, per rivolgersi, nei bambini e negli adulti, al senso del tatto, quello meno affrontato a scuola e quello meno esaltato nell’arte.
Completa la mostra un piccolo apparato di libri e oggetti che condurranno il visitatore verso la molteplice varietà dell’opera dell’artista milanese: i libri illustrati e i libri progettati, le copertine e gli oggetti di design.

Dal 18 Aprile al 24 maggio
martedì, giovedì, sabato ore 17:00 – 20:00
domenica ore 10:00 – 12:30

Evento Facebook          www.drago-arte.it

Giovanni Cardinale Isola Felice

Giovanni Cardinale Isola Felice

La cucina non è solo un luogo tecnologico o un ambiente di “lavoro” ma è soprattutto un luogo di convivialità di passione e di piacere .
La cucina è un mobile indipendente, liberamente posizionabile.
Il materiale impiegato è unico, declinato in varie colorazioni, combinabili fra loro (per quanto riguarda la finitura delle ante) : si tratta di listellare di abete placcato laminato opaco o lucido(scelta fra vari colori), a spessore costante (18 mm.) per fianchi, top, schiena, ante.

talìa

talìa

Talia è un laboratorio di creatività, arte e vecchie maestranze, che nasce dalla voglia di creare un connubio tra artigianato e design.
Un importante peso per la nascita di Talia è stato dato alla ricerca concettuale, che parte da un attenta osservazione: dai motivi visivi che la Sicilia ci offre, dalle architetture nate dalle forme elementari della geometria e dal patrimonio dalla tradizione culturale.
Il logotipo Talia, parola del dialetto siciliano, nonché figura mitologica greca, musa della commedia, è stato scelto dopo un accurato studio  grafico perché descrive al meglio la filosofia di voler trovare nella semplicità qualcosa di unico ed emozionante.
L’idea è quella di progettare oggetti per la casa e accessori per la persona,   che possono essere visti non come semplici oggetti ma creazioni nate dall’energia di un designer, che disegna pezzo per pezzo sul foglio e successivamente, grazie al lavoro meticoloso delle mani del torniante, Ben Abdelali Hafed, questi prendono forma dando vita a pezzi unici, terminati solo dopo il processo di smaltatura e cottura.
La terracotta, unisce la tradizione, la storia di una materiale antico e naturale, allo stesso tempo contemporaneo e facilmente plasmabile, gradevole al tatto, ed è perfettamente inerente alla nostra filosofia in quanto rispetta la natura e non inquina.
Gli oggetti Talia sono progettati per arricchire e caratterizzare i luoghi dove prendono posto, o per essere indossati e descrivere al meglio la personalità di chi scegli di indossarli.
Le forme semplici e geometriche e i colori forti e decisi, rendono questi oggetti pezzi d’autore, disegnati dalla designer siciliana e nati anche da collaborazioni con altri designer, interamente autoprodotti.

www.taliaceramica.it

talia-artigianato-design-sicilia-1talia-artigianato-design-siciliatalia-artigianato-design-sicilia-3 talia-artigianato-design-sicilia-2

 

Claudia Di Mitri

Claudia Di Mitri

Claudia, designer siciliana laureatasi a Palermo nel 2009, nel Corso di Disegno Industriale per l’Area Mediterranea, continua il suo rapporto con la Facoltà di Architettura, collaborando con l’arch. Dario Russo, come cultrice della materia di Teoria e Storia del Disegno Industriale; dopo diverse esperienze lavorative, che spaziano dall’interior design, al prodotto e alla comunicazione aziendale, per caso si avvicina al mondo della ceramica rimanendone affascinata. La curiosità la spinge ad addentrarsi nei meandri dei laboratori artigianali di ceramica.
Affronta questo nuovo mondo con i suoi occhi curiosi, con l’amore per il design e la passione per i dettagli, che è insito nel suo modo di fare.
Il percorso inizia dalla bottega di un torniante di origini tunisine, dove scopre la dolce poesia creata dal movimento delle mani sulla materia e da un tornio in funzione che permette di dare qualsiasi forma all’argilla.
Il secondo momento pragmatico è stato un breve stage all’interno di un’altra bottega artigianale che gli consente di conoscere la lavorazione della terracotta con gli smalti e la cottura finale.
Infine l’ultimo passo al traguardo è stato l’elaborazione delle nozioni apprese durante questo percorso che, insieme al proprio know how frutto della sua esperienza e del suo percorso accademico, hanno dato vita a Talìa, una realtà di autoproduzione di oggetti per la casa e per la persona.

Vincenzo Cancemi

Vincenzo Cancemi

Visual e product designer per passione ancor prima che per professione, si occupa di progettazione visiva per piccole e medie aziende, e product ed interior design per il pubblico ed il privato.
La sua attività inizia fin da giovane, collaborando, nello studio di ingegneria civile del padre per proseguire a Palermo nel 2001, dove studia prima Ingegneria, quindi Disegno industriale.
Qui collabora da subito con diversi colleghi, professori, professionisti e studi a mostre, lavori e progetti di vario genere.
Fino al 2011, inoltre, collabora con il Cdl in Disegno Industriale di Palermo come assistente e cultore della materia al Laboratorio di Disegno Industriale III.
Tornato a Mazara fonda prima l’Undersquare design studio e nel 2010 l’Aventinove design studio.
Attualmente lavora come designer freelance e presso l’aventinove design; la sua attività spazia tra Mazara del Vallo e Milano, passando da Palermo, Catania e Bologna.
Ama sporcarsi le mani, ricoprirsi di trucioli, perdersi tra gli schizzi e gli appunti di progetto… lavorare mentre la città dorme.
Curioso per natura cerca sempre la soluzione al problema, il tassello mancante al quadro di insieme.

www.vincenzocancemi.com

Giovanni Cardinale

Giovanni Cardinale

Designer autodidatta classe ’77 nato a Isola delle Femmine, dopo gli studi nautici e parecchi anni di navigazione di lungo corso a bordo di navi mercantili italiane con la qualifica di Ufficiale di coperta decido di seguire le mie passioni inscrivendomi al corso “Interior & Yacht Design” presso l’Eap Federcom di Palermo.
Inizio a lavorare presso lo Studio “Inzerillo e Albeggiani Yacht Design” occupandomi di modellazione e rendering, contemporaneamente partecipo al restauro di “Lisca Bianca” un’imbarcazione a vela che ha fatto il giro del mondo.
Nel 2014 entro a far parte di “Studio 427” di Alfred von Escher dove progetto arredi per interni ed esterni.
Collaboro all’interno di “Fab-Lab Palermo” occupandomi principalmente di modellazione e stampa 3D.

110 E LAB

110 E LAB

110 E LAB  dal suono felicemente accademico  è una piattaforma per la promozione di progetti dedicati al design siciliano, dal prodotto alla comunicazione visiva. Questi nascono nelle aule dell’Università (ma non solo) per proiettarsi all’esterno, nel mondo reale: marchi e immagini coordinate, mobili e complementi di arredo, oggetti per la misurazione del tempo, complementi di abbigliamento, ricette culinarie, origami-contenitori, riviste pirotecniche, sgabelli camaleontici, giochi da tavolo rampicanti, tovagliette monoposto per cene galanti…Tutto ciò e molto ancora è sapientemente progettato per raggiungere risultati concreti ed effetti performanti.

www.110elab.com

 

Design from Sicily ti porta alla Tianjin International Design Week Tianjin

Design from Sicily ti porta alla Tianjin International Design Week Tianjin, Cina, 21-26 maggio 2015

Un’opportunità unica per esportare la creatività dei giovani designer siciliani oltre oceano alla Tianjin International Design Week(Cina). Un evento prestigioso giunto alla sua seconda edizione che mette a confronto i protagonisti del design internazionale, imprese, designer, università e studenti e che si pone l’obiettivo di far conoscere le eccellenze del design contemporaneo.
Il Tema della TDW 2015 è “Memorie e Sogni”. Ognuno, infatti, ha i propri sogni ma, ancor più degli altri, i designer sono sognatori eccezionali, portano la loro essenza nelle attività artistiche, traggono ispirazione dalla tradizione e si rapportano ai loro sogni per dar vita alle loro creazioni.
“Memorie e Sogni” è anche un omaggio alla Cina e al famoso China Dream , il sogno cinese di realizzare attraverso il progresso il benessere del popolo e il ringiovanimento della nazione.

Se vuoi partecipare e sei un giovane designer siciliano e non hai ancora compiuto 35 anni scrivici su: designfromsicily@gmail.com
www.tianjindesignweek.com