Zonarte Natalie Rossi

Zonarte Natalie Rossi

Natalie Rossi è nata a Palermo nel 1977, si è laureata in Pittura nel 2002 presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna e attualmente vive e lavora a Lipari dove ha aperto un poetico Atelier.
Ha seguito corsi di fotografia polaroid art, costume per lo spettacolo e design presso la facoltà di Architettura di Palermo.
Esperta in didattica dell’arte, insegna dal 2004 materie umanistiche e artistiche e ha approfondito tecniche per la didattica con i ragazzi diversamente abili .
Ha sviluppato con i bambini la metodologia di Bruno Munari. Al fine di progettare e sviluppare attività didattico/laboratoriali rivolte ai bambini, in particolare porta avanti il progetto PABA piccola Accademia di Belle Arti per promuovere la conoscenza e la diffusione dei laboratori sull’arte contemporanea.
La ricerca di Natalie Rossi implica l’utilizzo di diverse tecniche e materiali, dalla fotografia (in particolare l’uso di Polaroid su cui interviene con graffiature e incisioni producendo un’alterazione della reazione chimica propria dello sviluppo istantaneo di questo mezzo), alla pittura, all’installazione e all’intervento con ago e fili plastici su tele e supporti di altro materiale.
Il suo lavoro mostra uno spiccato interesse per il coinvolgimento sensoriale ed emotivo nella realizzazione dell’opera e nella sua conseguente fruizione; il suo approccio è spesso ironico come nel lavoro con cui vince il premio indetto dall’Università degli Studi di Palermo intitolato “La mia sessualità” nel quale realizza 6 pannelli utilizzando il gioco dei chiodini per ritrarre scene del kamasutra. Ha inoltre svolto negli anni una ricerca sul culto della “santuzza”, proprio della città di Palermo, utilizzando il mezzo delle Polaroid modificate; qui la questione del rapporto tra le sue origini culturali e la mediazione del linguaggio artistico è centrale. Come lo è la prevalenza di un approccio all’indagine per così dire sentimentale prima ancora che formale o ideativo.
Il tema dell’acqua, infine, impegna la sua indagine da diversi anni, ad esso devono essere riferiti lavori come “Archivio delle gocce del mare” istallato al Palazzo Vai di Prato nel luglio scorso in occasione di “Manuale per autostoppisti dell’arte”; il progetto presentato per “Ratio naturalis” nel 2006 a Lentini in Sicilia; il ricamo “Senza titolo” su tela del 2001 e altri.

pam snc

Pam snc

La Pam snc è un’azienda siciliana che da anni si dedica con passione alla progettazione e produzione di arredi e mobili su misura sia per abitazioni private che per il settore business, negozi, franchising e alberghi. L’azienda è specializzata inoltre nella lavorazione del Corian Dupont, materiale innovativo e solido, non poroso, igienico, atossico e con giunture impercettibili, caratteristica questa che si traduce in possibilità di design praticamente infinite. Il Corian dunque ben si presta ad ambienti come bagni e cucine poiché non avendo giunzioni visibili, non consente il formarsi di muffe, funghi e batteri ed è facile da pulire.
Fantasia, conoscenza dei materiali, esperienza e professionalità sono i nostri punti di forza, la cura dei dettagli e il rapporto di fiducia che cerchiamo con il cliente sono il nostro valore aggiunto. La Pam, come un sarto, disegna gli arredi attorno al cliente, in base alle sue necessità di stile e di spazi.

www.pamsnc.com

pam

pam-snc

Rosaria Gulioso

Rosaria Gulioso

Rosaria Gulioso nasce nel 1993 a Mistretta.
Fin da piccola mostra interesse e curiosità nei riguardi del lavoro svolto dal padre artigiano e dopo aver ottenuto il Diploma all’Istituto d’Arte di Cefalù, nel 2012 decide di  iscriversi  al Corso di Laurea di Disegno Industriale presso la scuola Politecnica di Palermo. Affascinata dal vasto mondo del Design ,comincia ad occuparsi di Product Design e Grafica .
Ogni suo progetto è sviluppato con una cura particolare ,rivolgendo la  massima attenzione ai materiali, ai dettagli e alla funzionalità. Ognuna delle sue realizzazioni porta a risultati diversi, frutto degli spunti offerti dal contesto, dal luogo e dai gusti della gente. La parola chiave è Semplicità , aspetto distintivo del suo carattere e dei suoi lavori.
DOOR-DRESS

DOOR DRESS Rosaria Gulioso

DOOR DRESS rappresenta il nuovo modo di ordinare gli abiti. Grazie alla sua forma riesce a occupare pochissimo spazio adattandosi su ogni porta. Esso racchiude gli attimi prima e dopo un uscita frenetica da casa. Con DOOR DRESS possiamo avere tutti una stanza ordinata senza rinunciare all’abitudine di gettare i vestiti ovunque. Inoltre grazie al suo sobrio design si integra perfettamente in ogni ambiente. Per la sua funzionalità può essere una valida alternativa per l’arredo di un B&B o di un albergo

 

TABLE-AWAY

TABLE AWAY Rosaria Gulioso

TABLE AWAY, realizzato interamente in legno di rovere, rappresenta una nuova soluzione salvaspazio. Ottimo per una arredo interno, per salotto o per una cena orientale con amici dove consumare seduti comodamente su cuscini. Facile  nel montaggio e altrettanto comodo e pratico nel trasporto, grazie alla sua struttura ad incastri è possibile,  in pochissime mosse, nascondere le gambe al suo interno rendendo la struttura un unico pezzo.

Anima Pura Photo: Giuseppe Zito

Palermo: I Palazzi Costantino e Di Napoli ai Quattro Canti aperti al pubblico

È proprio un tesoro nascosto quello che si svela spingendo il fatiscente portone in legno postumo di Palazzo Costantino, in via Maqueda 217, e non manca l’impressione di inoltrarsi in un cantiere dall’ingresso proibito ai “non addetti ai lavori”. Per una volta, i palermitani ed i turisti, che finalmente avranno accesso al gigante silenzioso, languidamente adagiato a ridosso dei Quattro Canti, non soltanto potranno entrarvi, ma saranno loro gli “addetti ai lavori”; il loro compito? Pretendere che luoghi di straordinaria bellezza come i due Palazzi, siano restituiti alla città.
E’ una Palermo nascosta quella che si disvela agli occhi di tutti.
Palazzo Costantino e Palazzo Di Napoli, affacciano rispettivamente su via Maqueda e corso Vittorio Emanuele, cingendo ai due lati, uno dei Quattro Canti quello nord-ovest.
Settecentesco il primo, seicentesco il secondo, hanno attraversato i secoli passando dai fasti e dall’opulenza barocca, ai moti rivoluzionari, ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, fino ad arrivare forse al periodo più buio della loro esistenza, i giorni d’oggi.
Il mecenate Roberto Bilotti Ruggi D’Aragona ha acquistato i palazzi tra il 2001 e il 2003 con l’intento di ricavarne un albergo-museo. L’impresa si arena nei dedali della burocrazia, ma il mecenate non demorde, ideando iniziative come la mostra “Anima Pura.
Tra Sacralità e Contemporaneità” per invitare i cittadini non solo a godere delle sue bellezze, ma anche a prendere atto dell’urgenza di riportarle alla luce.
La location dell’esposizione risulta quanto mai appropriata: i palazzi spogliati delle loro ricchezze, violentati nella loro bellezza, resistono nella loro essenza.
Della possente struttura rimane in taluni casi, solo lo scheletro; le mura svuotare, i pavimenti frammentati, i cornicioni crollati.
Ma in questo stato di decadenza si scorge ancora limpida e violenta la ricchezza di un tempo; gli affreschi perfettamente conservati, dai colori vivi e vibranti sembrano urlare la loro magnificenza. Quando la bellezza scuote gli animi nonostante la rovina impietosa, non può che trattarsi di una bellezza pura, e anche i palazzi, come le opere in mostra, sono anime pure, mortificate e dimenticate che attendono di essere riscoperte.

15 – 19 Luglio Orari: 16.00 – 20.00 Ingresso libero

Foto: Giuseppe Zito

Anima Pura

Anima Pura

Franco Lucifora

Franco Lucifora

Franco Lucifora vive e lavora a Modica, dopo aver conseguito la maturità tecnica si iscrive e si laurea in Ingegneria Civile all’ Università degli Studi di Catania. Nonostante la natura fortemente tecnica del corso di studi si avvicina sempre di più all’architettura ed al design industriale vincendo diversi concorsi di Architettura e di design.
Espone un suo progetto al fuori salone del 2013 e viene selezionato per dei libri catalogo di designer emergenti.

Mind madeindesign

MIND madeindesign

Dalla passione per l’arte, per il design, l’architettura e dall’ammirazione per gli spiriti creativi nasce mind madeindesign.
Un laboratorio di ricerca e sviluppo di progetti all’avanguardia che mediante nuove sinergie tra architettura, designer e arte punta alla valorizzazione della cultura e del territorio attraverso le forme di espressione più varie.
Mind madeindesign va alla ricerca di nuove espressioni e linguaggi utilizzati per arredare e vivere gli spazi quotidiani.

Peppino Lopez

Peppino Lopez

Nasce a Vittoria 11 ottobre 1981. Dopo aver ottenuto la maturità tecnica, frequenta il Politecnico di Milano.
Nel 2004 ottiene Laurea in Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale.Nel 2009 consegue Laurea in Architettura con una tesi sull’impianto distributivo generale, al dettaglio del sistema costruttivo del progetto della residenza seguita dalla prof.ssa Anna Mangiarotti. Conseguita la laurea svolge attività professionale presso alcuni studi di architettura di Milano.
Dal 2012 fonda MIND il suo primo studio di architettura sito nella città in cui vive oggi.

CROCHET

CROCHET MIND madeindesign

Crochet proposto da mind madeindesign, ha come materia prima la polvere di marmo, sulla quale prendono forma eleganti intrecci e preziosi ricami che ci riavvicinano alla manualità della lavorazione del merletto siciliano ad uncinetto. Motivi circolari ornati nel marmo si susseguono generando un raffinato decoro che riproduce perfettamente l’effetto dell’intreccio dei fili mostrandone tutti i dettagli.