Salvatore Mantegna

Salvatore Mantegna

Salvatore Mantegna è presente nel settore orafo dal 1969.
Gli studi acquisiti, le esperienze maturate e la frequenza di corsi relativi al design, lo portano ben presto a perfezionare la propria formazione. Nel luglio del 1983, Salvatore Mantegna decide di fondare l’azienda “Mantegna Gioielli”, un laboratorio di design, progettazione e realizzazione del gioiello. Nasce così un design giovane, innovativo e creativo che non tralascia le qualità artigianali; lo studio architettonico è sempre alla base della progettazione del gioiello. Inizia un periodo incessante di lavoro che vede il monile pensato, progettato e realizzato esclusivamente a mano. Ogni fase di lavorazione viene seguita minuziosamente anche quella effettuata al di fuori del laboratorio, come la ricerca delle gemme preziose e semi-preziose.
Ciascun pezzo è una creazione originale e su misura che risente dell’unione tra il design italiano e il calore, l’estro, la storia, la vita, la tradizione solare della Sicilia, con le sue forme ancestrali ed universali, collegate da sempre a quei popoli che errando alla ricerca del nuovo forgiavano culture ricche di splendide testimonianze.

Independent-Project-Records-and-Press

Musica e design tipografico nell’opera di Bruce Licher A cura di Direct Cut and Von Holden Studio

Dal 21 aprile al 10 maggio 2014 a Palermo, Von Holden Studio, in stretta sinergia con Direct Cut, presenta ed ospita Independent Project Records and Press. Musica e design tipografico nell’opera di Bruce Licher, mostra volta ad approfondire la trentennale carriera di Bruce Licher.La mostra si inaugura Sabato 19 aprile 2014, in concomitanza della settima edizione del Record Store Day.Nello stesso giorno, a partire dalle ore 18.00, Rizzo Manufacture Studio aderirà al Record Store Day ospitando gli stand delle etichette musicali palermitane, nonché una piccola anticipazione della mostra.

Inaugurazione sabato 19 aprile 2014 ore 19.00
Dal 21 aprile al 10 maggio 2014
Martedì – sabato, 17.00 – 20.00

Von Holden Studio Via Fastuca 2, 90134 Palermo

http://www.vonholdenstudio.com/

10170994_718256218239188_2975429695343066112_n

Tiziano Aglieri-Rinella Martedì 22 Aprile

Tiziano Aglieri-Rinella è architetto, ricercatore dello IULM, esperto di Le Corbusier ed esegeta dell’hotel design. Dopo aver approfondito i temi del Movimento moderno, percorrendo una strada di depurazione pittorico-architettonica (dal Cubismo al Purismo), ha girato il mondo dedicandosi all’exhibit design. Non contento, si è poi specializzato nell’hotel design, in particolare nella progettazione di ristoranti e location deputate ad amplificare l’esperienza del cibo. Da qui, ha preso a divorare altri gustosi ambiti di progetto: dal (l’industrial) food design alla configurazione del bizzarro.

 

 2014 ore 15:00

Viale delle Scienze edificio 14 aula 4.5

10170994_718256218239188_2975429695343066112_n

Gabriele D'Angelo

Gabriele D’Angelo

Nato nel 1989 ad Alcamo, consegue la Laurea Triennale in Disegno Industriale presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Palermo e, in seguito si iscrive alla Laurea Specialistica in Design presso la Facoltà di Architettura dell’Università degli studi di Firenze, dove attualmente studia e vive. Nel 2012 partecipa al Noto Made in Medi e alla Palermo Design Week con la sua tesi di laurea incentrata sullo studio dell’interazione del colore di Josef Albers. Il Product Design e l’Interior Design sono i campi in cui si concentra la sua ricerca, con un attenzione particolare alle qualità intrinseche dei materiali e a come questi si relazionano ai nostri cinque sensi.

 

Pin&Pinta Gabriele D'Angelo

Gabriele D’Angelo alla Designlibrary Milano

Quest’anno la Designlibray di Milano con la collaborazione di Materioteca e IMAKE, ha dato vita ad una mostra collettiva dal nome “Change”. Cambiamento inteso come cambio di rapporti tra designe e artigianato. L’esposizione di quest’anno ha infatti richiesto come condizione necessaria alla partecipazione la progettazione di oggetti veri, fatti e finiti, piccole produzioni artigiane ma anche handmade degli stessi designer partecipanti. Pin&Pinta sono i boccali progettati da Gabriele D’Angelo, giovane designer siciliano, e realizzati grazie alla maestria e al consiglio degli artigiani ceramisti. In Pin&Pinta, la classica forma dei boccali da birra viene ridisegnata allo scopo di ridare nuova vita ad un oggetto tradizionale. Inoltre sui boccali è possibile sentire la differenza al tatto tra il ruvido della terracotta e il liscio della smaltatura, differenza che incuriosisce al tatto e rende la superficie dei boccali antiscivolo. Nei lavori di Gabriele D’Angelo c’è sempre un attenzione particolare alle qualità intrinseche dei materiali e a come questi si relazionano ai cinque sensi.

Gianluca Puccio

Gianluca Puccio

Gianluca Puccio, dopo essersi diplomato presso il liceo classico G.Meli di Palermo, ha intrapreso nel 2009 gli studi universitari presso la Facoltà di Architettura ed è prossimo al conseguimento della laurea. In questi anni, in parallelo al corso di studi, ha avviato un processo di ricerca del minimalismo formale nell’ambito della progettazione di oggetti di design e della grafica digitale, con una personalizzazione dei contenuti che mira alla essenzialità, chiarezza e riconoscibilità.

Siluetta

Siluetta

Il progetto “Siluetta” nasce dall’indagine sull’archetipo di vaso, fino alla definizione della sua sagoma. La struttura in legno e il contenitore in vetro conferiscono al vaso un’immagine elegante e versatile.

Ceramics of Italy

La Ceramica e il Progetto, il concorso di architettura dell’industria ceramica italiana

L’industria ceramica italiana e Cersaie sono liete di presentare la terza edizione di La Ceramica e il Progetto, il concorso di architettura che premia le migliori realizzazioni architettoniche con piastrelle di ceramica italiane.
Il concorso è aperto ad architetti e interior designers residenti in Italia che hanno realizzato progetti con uso di piastrelle di ceramica italiane in Italia e all’estero completati tra gennaio 2011 e gennaio 2014.
Per piastrelle di ceramica italiane si intendono i prodotti delle aziende che aderiscono al marchio collettivo Ceramics of Italy.
Tre le categorie architettoniche che potranno concorrere al premio: edifici istituzionali, residenziali, commerciali.
Sono ammesse al concorso realizzazioni ex-novo, ristrutturazioni, recuperi architettonici.
Una giuria di esperti esaminerà i progetti pervenuti, tenendo in considerazione creatività, funzionalità ed il gusto estetico della realizzazione. I criteri di selezione valuteranno la progettazione nel suo complesso, l’impiego e la progettazione con le piastrelle di ceramica, la qualità della posa, la valorizzazione dell’ambiente grazie alle piastrelle ed alle loro caratteristiche di sostenibilità.
Il vincitore di ogni categoria si aggiudicherà un premio di € 5.000.
Le domande di partecipazione dovranno pervenire entro il 5 maggio 2014.

Scarica il bando http://www.laceramicaeilprogetto.it/uploads/CeramicaeilProgettoCard_11-29-13.pdf

Compila il modulo online  http://www.laceramicaeilprogetto.it/index.php?page=modulo-iscrizione

 

Federica Sciacca

Federica Sciacca

Federica Sciacca nasce a Marsala nel 1989 e, dopo aver conseguito la maturità scientifica, si trasferisce a Milano per frequentare il corso di Laurea in Interior Design al Politecnico, dove ha avuto la fortuna di avere come insegnanti gli architetti Michele De Lucchi e Pierluigi Nicolin. Si laurea nel 2011 con una tesi dal titolo “Your set. Set your space”, un progetto di “Unit” aggregabili e temporanee in grado di ospitare molteplici allestimenti e, sempre al Politecnico, sta attualmente conseguendo la laurea specialistica. Tra le esperienze più significative nel corso della sua carriera universitaria vi sono i sei mesi trascorsi a Lisbona durante il progetto di scambio Erasmus e un workshop a Parigi durante il quale ha progettato un’installazione luminosa che è stata realizzata in occasione della Nuit Blanche 2013. La passione per il cibo e per il vino l’hanno portata a frequentare il Corso d’Alta Formazione in Wine Design, durante il quale ha partecipato a workshop che avevano come obiettivi la comunicazione del brand e il suo legame col territorio. La passione per la fotografia la spinge a ricercare il valore della sicilianità, tema che ha affrontato anche in altri campi del progetto, e che crede sia un oggetto d’indagine futura.